Si sgavìta la montagna. La transumanza dei pastori di Geraci Siculo

10.00

Categoria:

Descrizione

scarica il pdf

Titolo: Si sgavìta la montagna. La transumanza dei pastori di Geraci Siculo
Autore:  Arianna Attinasi [a cura di]
Editore: Edizioni Arianna
Pagine: 64
ISBN: 978-88-89943-41-0
Prezzo:10,00
Luogo di pubblicazione: Geraci Siculo
Anno di pubblicazione: 2009

 

“La montagna – scrive Fernand Braudel- è un mondo a parte dalle civiltà, creazioni delle città e dei paesi di pianura. La sua storia sta nel non averne, nel restare abbastanza regolarmente ai margini delle grandi correnti incivilitrici, sebbene scorrano con lentezza”.

La festa della transumanza è stata pensata da Pietro e Arianna Attinasi, Edizioni Arianna, nel 2009 e d’intesa con la comunità dei pastori di Geraci Siculo è stata proposta al Comune, sindaco Bartolo Vienna, che l’ha subito accolta, per celebrare la pratica d’allevamento brado che ancora oggi permane, pur convivendo con l’innovazione stabulare.

La festa nasce dall’esigenza di condividere la tradizione, con la consapevolezza che ogni singolo momento diventa storia per le generazioni future; nasce dal desiderio di valorizzare il passato per trasformarlo in memoria.

La festa celebra il lavoro dell’uomo: il passaggio degli animali, il transito dalla “Marina” alla “Montagna”, avviene a Geraci – “non si sa da quanti secoli” – dice il poeta Pietro Attinasi, il 24 maggio di ogni anno. Nulla di artificiale dunque nella festa della transumanza, se si esclude il semplice spostamento di qualche giorno per farla coincidere con un week end, per facilitare la visita dei turisti.

Un uomo senza passato non può avere futuro. Non esistono culture superiori e altre inferiori, ma culture diverse che noi possiamo solo limitarci a comprendere e rispettare.

A Geraci ogni anno a maggio si lascia il piano per raggiungere le vette più alte e i gruppi di pastori ancora una volta si allontanano dall’abitato fino a divenire a volte irraggiungibili.