Un percorso del fare 4 – Emanuele Walter Angelico. Ebook

8.99

Descrizione

Titolo: Un percorso del fare 4. Verso una rinnovata cultura tecnologica
Autore: Emanuele Walter Angelico
Editore: Edizioni Arianna
Prezzo:
€ 8,99
ISBN: 
9788899981907
Luogo di pubblicazione: Geraci Siculo
Anno pubblicazione:
2020

 

Fare è un verbo generico, che indica poco se privo di un complemento. Il sostantivo percorso ad esso accostato sottolinea che si tratta di un atto che richiede ponderazione, preparazione, finalità. Innumerevoli commenti sono scaturiti dalla locuzione peccato del fare, attribuita da Giuseppe Tomasi di Lampedusa al disincantato Principe Salina e divenuta metafora di un’attitudine all’immobilismo che si estende oltre i confini siciliani, per riguardare una questione meridionale tante volte affrontata e mai davvero risolta.
I significati attribuibili al peccato del fare travalicano il lascito nazionale post-unitario, per assumere quasi una dimensione esistenziale (coerente con quel desiderio di stare abbandonatamente nelle cose a cui si riferisce il poeta lucano Alfonso Guida), le cui conseguenze si estendono ben oltre la sfera individuale, per trovare ampie ripercussioni di caraere socio-economico-culturale.

A fronte degli scenari contemporanei e futuribili, sarebbe preferibile che il peccato del fare restasse una citazione letteraria, per concentrarci piuttosto su quello che possiamo indicare come l’imperativo del fare: è tempo di agire, come ha ricordato Greta Thumberg, la giovane attivista svedese promotrice di una mai vista campagna di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici.

Il lockdown e lo shutdown imposti dall’attuale emergenza sanitaria in gran parte del mondo sembrerebbero forzare a una coatta inattività.

Invece, a prescindere dalla tempistica con cui verranno superate, queste straordinarie condizioni non solo non impediscono il fare, ma hanno già iniziato a modificarne pro- fondamente i significati.

«In questo nostro mondo, che Tu ami più di noi, siamo andati avanti a tua velocità, sentendoci forti e capaci in tuo. Avidi di guadagno, ci siamo lasciati assorbire dalle cose e frastornare dalla fretta. Non ci siamo fermati davanti ai tuoi richiami, non ci siamo ridestati di fronte a guerre e ingiustizie planetarie, non abbiamo ascoltato il grido dei poveri, e del nostro pianeta gravemente malato. Abbiamo proseguito imperterriti, pensando di rimanere sempre sani in un mondo malato».

Il percorso del fare a cui l’Autore fa riferimento per l’architettura è un percorso “a doppio senso di marcia” (p. 38) e produce esiti generati “dall’alternarsi di ogni luce, dall’alternarsi di ogni situazione, dall’alternarsi di ogni atmosfera, dall’alternarsi continuo del ‘dentro e del fuori’” (p. 43), in cui poli spesso opposti riescono a trovare mediazione ed equilibrio. Il sottotitolo del volume, Verso una rinnovata cultura tec- nologica, rende esplicito il filo d’Arianna utilizzato da Walter E. Angelico per orientarsi lungo Un percorso del fare: un filo che congiunge i concetti di innovazione e di rinnovamento, con l’obiettivo di minimizzare i rischi sempre insiti nel nuovo, per connettereersi con senso critico all’identità ereditata dal passato (rifuggendo dall’indulgere a tentazioni retrotopiche) per proiettarsi verso un futuro sostenibile.

Il fare così identifica, per quanto provvisoriamente, un ubi consistam: appunto, i “luoghi del fare, nei quali impegnarci con scrupolo e disciplina, attenzione e riguardo, nella complessità di progetti evoluti che abbiano chiare le sfide per il prossimo futuro” (p. 90).

[dalla Prefazione di Maria Luisa Germanà]