SANTI E MARTIRI CATANESI, GIUSEPPE REINA

14.00

Descrizione

Titolo: Santi e martiri catanesi
Autore: Giuseppe Reina
Editore: Edizioni Arianna
Pagine: 152
ISBN: 978-88-99981-11-6
Prezzo: 14,00
Luogo di pubblicazione: Geraci Siculo
Anno di pubblicazione: 2017

Sant’Agata
Dopo avere ricordato che il nome di Agata è di origine greca e significa buona e docile, faccio presente che secondo la tradizione nacque l’8 settembre del 238 da una nobile e ricca famiglia catanese il cui sontuoso palazzo sorgeva in contrada Sant’Orsola al Piano di Giacobbe, che corrisponde all’attuale zona di San Placido. Tutt’ora in via Museo Biscari esiste un locale sotterraneo che viene considerato come un resto di tale palazzo e che fu inglobato nel monastero di San Placido costruito nel sec. XVI. In una lapide posta a ricordo è scritto in latino: “A Dio Ottimo Massimo. Questo luogo deve essere sacro e in grande riverenza ai catanesi cittadini di Sant’Agata, dove per antica fama i suoi progenitori ebbero un gran palazzo che lei rese famoso nascendovi dentro nel giorno medesimo della natività della Madre di Dio, nell’anno 238 e dopo la morte dei suoi genitori ne abbellì le volte sotterra con tante opere di virtù che la fece degna d’invidia in tutto il mondo”. Ad essa ne è stata aggiunta un’altra con queste parole: “La molta benemerita Suor Maria Statella, abbadessa di questo monastero, nel 1728 anno ventottesimo del suo priorato, richiamò questa tradizione all’attenzione di tutti”. Purtroppo, considerato lo stato di abbandono del luogo, ci si deve rammaricare per il fatto che i posteri hanno completamente disatteso quanto avevano giustamente stabilito i fervorosi antenati. Completano il rilievo due angeli che reggono due nastri sui quali è scritto: “Non offendere la patria di Agata, perché è vendicatrice delle ingiurie”.

Sempre secondo la tradizione, i suoi genitori si chiamavano Rao ed Apolla e quasi sicuramente erano cristiani, perché Agata sin dai primissimi anni di vita appare non solo istruita nella nuova e vera fede, ma intimamente unita a Cristo. Si sconosce il casato di appartenenza anche se in passato si tentò di individuarlo con la conseguenza di fare sorgere una vera e propria polemica, dato che ben sette casati hanno cercato di dimostrare che la famiglia di Agata appartenesse alla loro.

Anche sul luogo di origine vi sono stati nel corso del 1592 aspre polemiche tra Palermo e Catania. Infatti due palermitani, e precisamente S. Tuccio e A. Inveges, cercarono di contestare l’origine catanese di Agata attribuendola invece a Palermo. Però ormai la critica storica, basandosi su tutti gli elementi di cui disponeva, ha dimostrato ampiamente la sua origine catanese, per cui non è il caso di soffermarsi su tale polemica che ebbe come difensore dell’origine catanese di Agata il gesuita catanese Bernardo Colnago del Tribunale del S.Ufficio, del quale riferirò in seguito. Qui basta indicare che per questo motivo fu sepolto in Cattedrale.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 34 x 17 x 1 cm